Artiglierie : sul fronte delle Alpi Occidentali in occasione dei combattimenti contro la Francia, giugno 1940. de Vito Ziva

Fronte alpino Occidentale 

In ottemperanza alle istruzioni impartite da Roma allo Stato Maggiore del Regio Esercito, previsto dal P.R. 12 (piano di radunata 12) che prevedeva lo schieramento in atteggiamento difensivo delle nostre forze, viene qui proposto lo schieramento di partenza delle artiglierie.

La 4a Armata schierata dal M. Rosa al M. Granero comprendeva 4 settori operativi:

1° - Settore operativo Baltea-Orco-Sture: dal M. Rosa al Roccia Melone (C.A. Alpino);

2° - Settore operativo Moncenisio-Bardonecchia: dal Roccia Melone al Rocher Charniers (I C.A.);

3° - Settore operativo Monginevro: dal Rocher Charniers al Gran Queyron (IV C.A.);

4° - Settore operativo Germanasca-Pellice: dal Gran Queyron al M. Granero (3° Regg. Alpini).

All'inizio delle ostilità questi settori disponevano delle seguenti artiglierie (Com.te l'art. dell'A. gen. di br. Luigi Mazzini):


Settore Baltea-Orco-Sture (C.A. Alp.: Com.te Art. Col. i.g.s. Enrico Carlino):

1° Regg. Art. Alpina, con 9 btr. (Col. Carlo Rossi); 

12° Raggrupp. Art. da pos. con 13 btr. (4 da 75/27, 6 da 100/17, 2 da 149/35, 1 da 260/9). 


Settore Moncenisio-Bardonecchia (1° C.A.: Com.te Art. Colonnello i.g.s. A. Sardi)

A) Sottosettore Moncenisio:

3 btr. alpine; 

59° Regg. Art. div. ftr. Cagliari (Col. Armando Marasca); 

2 gruppi Art. C.A. (1 gruppo da 105/128 e 1 gruppo da 149/13); 

2 gruppi Art. d'A. (1 gr. da 149/13 e 1 gr. da 152/37); 

23° Raggrupp. Art. G.a.F. (5 btr. da 75/27, 3 btr. da 100/17, 1 btr. da 105/14, 1 btr. da 120/21, 4 btr. da 149; 35, 1 btr. da 152/45) (Col. Evaristo Cecconi). 

B) Sottosettore Bardonecchia:

3 btr. alpine; 

5° Regg. Art. div. ftr. Superga (Col. E. Paladini); 

1° Raggrupp. Art. C.A. (1 gr. da 100/17 T.M., 2 gr. da 105/28, 1 gr. da 149/13) (T. Col. P. Mazza); 

1° Raggrupp. Art. Armata (2 gr. da 149/35, 1 gr. da 152/13, 2 gr. da 152/13, 2 gr. da 210/Cool (Col. Ettore Gnech); 

9° Raggrupp. Art. Armata (Col. E. Sesini) (XV-149/35, 11-105/28, XXIV-105/28, CII-149/13, LXI-152 13; 

19° Raggrupp. Art. G.a.F. (6 btr. da 75/27, 5 btr. da 100/17, 1 btr. da 105/14, 1 btr. da 120/21, 3 btr. da 149 35, 1 btr. da 152/45) (Col. Bruno Falcone). 


Settore Monginevro (IV C.A.: Com te art. Col. i g.s. B. Pedrotti) 

25° Regg. Art. Assietta (Col. Leonardi Cattolica); 

17° Regg. Art. Sforzesca (Col. Attilio Tomaselli); 

4° Raggrupp. Art. di C.A. (2 gruppi da. 105/28, 3 gruppi da 149/13) (T. Col. A. Bossi); 

6° Raggrupp. Art. d'A. (2 gruppi da 149/35, 1 gruppo da 152/37, 1 gr. da 152/45, 1 gr. da 210/Cool (Col. Ravenni); 

8° Raggrupp. Art. G.a.F. (9 btr. da 75/27, 1 btr. da 100/17, i btr. da 105/28, 4 btr. da 149/35, 1 btr. da 260/9) (T. Col. G.B. Bersano). 


Settore Germanasca-Pellice (3° Regg. art. Alpina - Col. Pietro Gay)

4 btr. alpine; 

7 btr. art. G.a.F. (1 btr. da 75/27, 2 btr. da 100/17, 2 btr. da 149/35, 2 btr. da 210/Cool

1 gruppo da 210/8. 


Alla diretta dipendenza del Comando d'Artiglieria della 4a Armata era il 1° Reggimento Artiglieria c.a. su 4 gruppi (Col. De Ranieri Delfo).

In complesso sul fronte dell'Armata erano schierate 809 b.d.f. (202 batterie).

La 1a Armata schierata dal M. Granero al mare comprendeva 3 settori operativi:


1° - Settore Maira-Po-Stura; 

2° - Settore Alta Roia-Gessi;

3° - Settore media e bassa Roja.

All'inizio delle ostilità questi settori disponevano delle seguenti artiglierie (Com.te l'art. dell'A. Gen. di br. Giuseppe Gianni):


Settore Maira-Po-Stura (II C.A. C.te Art. Gen. di brig. G. Zarri)

2° Raggrupp. Art. di C.A. (111/105/28 - L/105/28 - CXXIV/149/13 - CXXV/149/13 - CL/149/13) (Maggiore Talacci Aldo); 

2° Raggrupp. Art. di A. (VII/149-35 - LXXI/149-35) (Col. Sichera); 

7° Raggrupp. Art. G.a.F. (CIIIj149-13 - CXXIII/14913 - LXIII/152-13 - LXVII/152-13) (Col. Pinto Guido); 

14° Raggrupp. Art. G.a.F. (materiali antiquati - praticamente non prese parte alle operazioni) (Colonnello G. Chierico); 

22° Raggrupp. Art. G.a.F. (VIII/149-35 - LV/149-35 - LXXXVIII/149-35 - 540° btr. da 305/17) (Col. Forgiero A.); 

95° Gruppo da posizione con funzioni di Raggrupp.to (XLVII/149-35 - XCV misto: 1 btr. da 152/45, 1 btr. da 210/8, 1 btr. da 260/9; - LXVIII/152-13 - CXXVI,' 149-13) (T. Col. Andreetta); 

8° Raggrupp. Art. di C.A. «Puriac» (CXIII/149-13 - CXIV/149-13 - XXIII/149-35) (Col. Battaglini); 

10° Raggrupp. Art. di A. (XIII/105-28 - XIV/105-28 - XXIII/105-28) (T. Col. Gaione); 

28° Regg. Art. «Livorno» (Col. Alaicevich de Cinque Ermenegildo); 

33° Regg. Art. «Acqui» (Col. Bonaccorsi Domenico); 

36° Regg. Art. div. ftr. «Forlì» (Col. Corvino Cesare). 


Gruppi artiglieria alpina Val Po e Val Camonica:

5° Regg. art. div. Alp. «Pusteria» (Col. Molinari Giuseppe); 

3° Regg. art. div. ftr. «Pistoia» (Col. Ottone Luigi) in riserva di Armata. 

4°' Regg. art. Alp. «Cuneense» (Col. Orlandi Enrico) in riserva di Armata. 


Settore Alta Roja-Gessi (III C.A. - Com.te Artiglieria generale di brig. G. Guccione): 

11° Regg. Artiglieria «Ravenna» (Col. Lo Preiato Francesco).

16° Regg. Art. G.a.F. (Col. Ottone Paolo) - 5 Com.di di gruppo con:

4 btr. da 75/27 

5 btr. da 100/17 

2 btr. da 105/14 

3 btr. da 149/35 

1 btr. da 152/45 

2 btr. da 210/8 

3° Raggrupp. Art. di C.A. (Col. Forte Rocco) (VII/105-28 - VIII/105-28 - IX,/105-28 - CVII/149-13 - CVIII 149-13).

Artiglierie di Armata su 6 Com.di di gruppo con: 

9 btr. da 149/35 

2 btr. da 152/13 

3 btr. da 210/28 

3 btr. da 260/9 

1 btr. da 420/12 


Settore Media e Bassa Roja (XV C.A. - Com.te Art. Gen. di brig. Vittorio De Bernardis)

7° Regg. Art. «Cremona» (Col. Domenico Lacquaniti); 

29' Regg. Art. «Modena» (Col. G. Fava); 

37° Regg. Art. «Cosseria» (Col. Fr. Rossani); 

11° Raggr. Art. G.a.F. (Col. Ghiselli V.) 
Gruppi LXXX - XXIX - CI - XXX - LXXIII - XCIX - C - XXXI 
14 btr. 75/27 1 btr. 260/9

5 btr 100/17 1 btr 305/17

3 btr 105/14

3 btr 105/28

7 btr 149/35

2 btr 152/45

1 btr 260/9

1 btr 305/17

24° Regg. Art. G.a.F. (Col. A. Salvatori) 

15° Raggrupp. Art. di C.A. (Com.te int. Magg. Salvatore Pinto) (IV-105/28, V-105/28, VI-105/28, CIV-149.13, CV149/13, CVI-149/13); 

4° Raggrupp. Art. d'Armata (obici da 305/17, cannoni da 152/37, cannoni da 149/35) (Col. Guido Froio); 

8° Raggrupp. Art. d'A. (Col. Approsio Luigi) (IX-149/35, X-149/35, XI-149/35, LI-152/37, CII-260 9, LX X XIII210/8, LXXXIV-210/Cool

17° Gruppo c.a. (2 btr.); 

22° Gruppo c.a. (2 btr.). 


In complesso la 1a Armata aveva circa 2.900 b.d.f..

Fino al 14 giugno le nostre truppe, conformemente alle direttive, mantennero atteggiamento difensivo: qualche colpo di mano ci portò - 1a Armata - all'occupazione di posizioni oltre le linee di confine e alla cattura di prigionieri. Da parte francese nessuna iniziativa, salvo il brillamento delle interruzioni in Valle Roja e lungo la Cornice e l'incursione navale nel golfo di Genova (14 Giugno).

Da questa fase, il 14 giugno si passa ad una seconda che diremo preoffensiva: le due Armate 1a e 4a per il caso di un improvviso collasso francese, dovevano essere in grado di avanzare su tutta il fronte. Pertanto oltre a far serrare sotto e a raccogliere le grandi unità previste, si intensificarono le azioni di pattuglia e si procedette all'occupazione di alcuni passi oltre confine. A partire dal 21 giugno cominciarono le azioni offensive del nostro esercito che portarono all'occupazione di alcuni forti francesi e all'ingresso in Mentone. Le tre operazioni A B C che avevano il fine ultimo l'arrivo a Marsiglia, furono totalmente disattese.


© Regio Esercito 2002-2004. Per maggiori informazioni visita www.regioesercito.it



20/01/2012
0 Poster un commentaire

Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 22 autres membres